top of page

Vite Svitate

Enrico De Carli


Agenore Riccardi, ricco industriale, decide di lasciare la sua cospicua eredità a quattro

persone a lui sconosciute che in comune con lui hanno solo il cognome. L'eredità, però,

potrà essere conseguita solamente, dopo un anno di convivenza nella casa di famiglia del

defunto. I rapporti tra gli eredi dovranno essere improntati all'amicizia e alla cordialità, non

essendo consentite discussioni che travalichino i principi di una corretta dialettica e

tantomeno litigi. La violazione di queste regole costituirà infrazione comporterà la perdita

dell'eredità. Perché il defunto ha architettato tutto ciò? Riusciranno gli Agenore boys, una

delle definizioni datesi dagli eredi, a conseguire il malloppo superando inevitabili passioni

e conflitti? Questi alcuni degli interrogativi ai quali i lettori troveranno risposta.

Comments


bottom of page