top of page

La moderna investigazione criminologica

Carillo Biagio


Nelle investigazioni moderne è importante, come nell' intero settore delle scienze criminologiche, utilizzare un approccio di natura interdisciplinare al fine di conoscere meglio le ragioni e i meccanismi psicologici che sono a fondamento delle condotte criminali. Il bravo investigatore criminologo approfondisce i fatti senza fermarsi alle apparenze, cura i dettagli e ragiona solo sui dati di fatto procedendo con buon senso ed equilibrio. In questo solco è allora importante utilizzare un metodo investigativo dinamico ricorrendo alle conoscenze scientifiche ed esperienziali ponendo al centro dell'attività la persona dell'investigatore, con i suoi dubbi, che osserva e non giudica.

Ciò al fine di valutare gli indizi raccolti e non confonderli con le prove, utilizzando a tal fine gli strumenti offerti dalla criminalistica . L'analisi, la logica, l'organizzazione devono raccordarsi all’istinto e al fiuto investigativo. La ricostruzione criminodinamica unita a quella criminogenetica del fatto criminoso, ritenuta centrale nella condotta investigativa, individua nel sopralluogo il punto iniziale, critico, propulsivo del lungo e complesso percorso dell’indagine. Questa è la porta per entrare nel mondo delle attuali e moderne investigazioni scientifiche, trattate prestando la dovuta attenzione agli

aspetti tecnico-scientifici relativi agli accertamenti di laboratorio più utilizzati nelle indagini moderne nel rispetto della loro successiva e corretta utilizzazione in sede processuale. L’evoluzione scientifica alla quale si è assistito negli ultimi trent’anni è stata segnata da uno sviluppo teorico e tecnico sempre in ascesa, che ha visto il ricorso sempre più frequente, in ambito giudiziario, alla genetica, alla informatizzazione della dattiloscopia, alla fisica applicata e a tutte le scienze forensi. Non meno importanti sono le tecniche del criminal profiling, di vittimologia, di psicologia della testimonianza, di come agire e relazionarsi con i soggetti minorenni.

Tuttavia, poiché ogni fenomeno delittuoso e ogni esperienza umana hanno caratteri di unicità e irripetibilità (tipici di ogni fenomeno «umano»), la cristallizzazione di regole teoriche astratte attraverso cui condurre e governare l'attività potrebbe avere un effetto deviante sull'effettiva conduzione e soluzione dei casi concreti. Per questa ragione, se l'approccio scientifico impone l'adozione di un modello deduttivo che partendo dall'astrazione delle regole generali conduca alla particolarità dei casi, di contro il metodo investigativo (tenuto debito conto dell'unicità esperienziale di cui sopra) dovrà sempre partire dal particolare e dai dettagli del fatto indagato per giungere attraverso un processo di induzione alla formulazione dell'ipotesi teorica specifica del caso, suscettibile di fungere da controllo ex post delle teorie generali

formulate in astratto. In sostanza, l'investigatore criminologo che analizza le esperienze concrete e trae da esse possibili soluzioni generali, dovrà porsi innanzi alla scena del crimine e alla nuova esperienza investigativa quale tabula rasa; dovrà

raccogliere gli elementi di fatto, interpretarli secondo regole di stringente logica comune, valutarli alla luce della propria esperienza al fine di comprendere il singolo fenomeno criminoso, per poi offrire ad altri studiosi del crimine (giuristi, sociologi e criminologi) i risultati della sua specifica esperienza, essendo l'enucleazione di regole generali e astratte una loro competenza. In ogni caso centrale deve rimanere il ruolo della persona nella conduzione delle indagini nella convinzione che la criminalistica con la sua evoluzione tecnologica e scientifica debba essere sempre supportata dalle

tecniche dell'indagine classica. La criminologia investigativa si distingue dalla criminalistica poiché ha regole e principi propri e deve diventare il contenitore ideale entro il quale, attraverso un processo di osmosi e reciproca compenetrazione, sia possibile ottimizzare ogni attività, verificando costantemente le ipotesi di lavoro ricorrendo al ragionamento controfattuale.

Comments


bottom of page